Studentessa in pericolo di vita viene salvata dal suo smartwatch: la storia da brividi

Una studentessa del Delaware in grave pericolo di vita, ha raccontato che il suo smartwatch le ha miracolosamente salvato la vita

Un nuovo rapporto di CBS News ha condiviso la storia di una studentessa del Delaware in pericolo di vita che ha raccontato come il suo smartwatch l’abbia salvata. Sebbene siano tante le storie sulle funzionalità sanitarie salvavita dell’Apple Watch, in questo caso è stata fondamentale la funzione SOS emergenze del dispositivo.

Mentre si trovava nel suo appartamento nel Delaware, Natalie Nasatka ha detto che si stava preparando per la sua giornata, la mattina del 29 dicembre, quando ha iniziato a soffrire di sintomi di avvelenamento da monossido di carbonio. La donna ha affermato di aver iniziato a sentirsi “estremamente esausta” e di aver notato che la sua vista stava diventando offuscata. Di seguito, ecco come il suo smartwatch le ha salvato la vita.

Come lo smartwatch ha salvato la studentessa in grave pericolo di vita

Prima di perdere conoscenza, Nasatka ha avuto la intelligente inclinazione di utilizzare la funzione SOS emergenze sul suo smartwatch, nata proprio per chi è in pericolo di vita. La funzione SOS dell’orologio collegava la donna direttamente ai servizi di emergenza, mentre il suo telefono inviava contemporaneamente messaggi ai suoi contatti preferiti con la sua posizione. La cosa successiva che ricorda è di essersi svegliata con i soccorritori che la trasportavano giù per le scale. “I vigili del fuoco mi hanno portata sulle sedie della veranda dove ho potuto sedermi, ma non riuscivo a tenere la testa alta. Stavo piangendo, dicendo ‘voglio vivere'”, ha detto.

Apple Watch salva la vita di una donna americana
Donna salvata dal suo smartwatch: ecco cosa è successo(sitiwebok.it)

Nasatka è stata portata d’urgenza al vicino pronto soccorso, dove è stata curata per avvelenamento da monossido di carbonio. Ulteriori test condotti  hanno confermato che i livelli di monossido di carbonio nell’appartamento di Nasatka erano molto alti. La studentessa pensa che la fuga di gas provenga da un riscaldatore difettoso, che è una delle principali cause di avvelenamento da monossido di carbonio in inverno.

La studentessa ha riconosciuto che avrebbe dovuto avere un rilevatore di monossido di carbonio nel suo appartamento. Lo strumento l’avrebbe allertata del problema ben prima che i livelli del gas diventassero così alti. Il monossido di carbonio è un gas che non ha colore, odore o sapore. Il killer silenzioso uccide più di 400 persone all’anno e manda 50.000 americani al pronto soccorso.

“È la mancanza di ossigeno che colpisce il corpo. Ci sono alcune cose che diventano irreversibili, il cuore può essere danneggiato. Una volta che il cervello è rimasto senza ossigeno per troppo tempo, possono verificarsi sintomi irreversibili”, ha affermato la dottoressa Lynn Farrugia, medico d’emergenza. I primi segnali d’allarme includono vertigini, confusione e vomito.Ho cavalcato ondate di emozioni”, ha detto Nasatka. La studentessa ha affermato di essere stata fortunata che i soccorsi siano arrivati ​​rapidamente e che sia stata rianimata in un’ambulanza con ossigeno.

Impostazioni privacy