Anche tu hai la mania di fotografare il cibo? Ecco i consigli da seguire

Siete a un ristorante di classe e volete immortalare i vari piatti che vi servono? Ecco i consigli per fare la foto perfetta al cibo

Da quando esistono gli smartphone una delle mode più comuni è quella di fare foto del cibo, sia che ci si trovi in un ristorante di classe, sia che si cucini un fantastico piatto a casa. Su Instagram, ogni giorno, vengono pubblicate migliaia e migliaia di foto di cibo, e probabilmente tutti noi ci siamo imbattuti, almeno una volta, in una storia di un nostro amico o parente che ritraeva un fantastico piatto, ma non sono solamente i clienti a ritenere importante fare un’ottima foto ai piatti. I ristoranti, ad esempio, sul proprio sito pubblicano i propri piatti per invitare le persone a recarsi nella loro attività. Ma vi siete mai chiesti se esiste una tecnica perfetta per fare questo tipo di foto? Ecco i consigli da seguire se volete fare incredibili foto ai piatti.

Tutto quello che bisogna sapere per fare le foto al cibo nel modo migliore

Attività commerciali, come ristoranti e panetterie, prosperano grazie alle immagini accattivanti dei loro piatti. Una foto ben scattata può influenzare il marketing sui social media, il traffico sul blog e le vendite online per i business alimentari. La food photography può definire il successo aziendale, ma non richiede necessariamente un fotografo professionista o attrezzature costose; gli smartphone offrono strumenti sufficienti per ottenere immagini professionali.

Fotografare il cibo
Fotografare il cibo | Pixabay @Bartek – Sitiwebok.it

Nelle fotografie dei piatti, la chiave è esaltare l’aspetto del cibo attraverso:

  • Presentazione: disposizione attraente dei piatti.
  • Luminosità: sfruttare la luce per valorizzare le pietanze.
  • Cornice: definire correttamente l’area di ripresa.
  • Modifica: apportare eventuali ritocchi alle foto successivamente allo scatto.

Dedicare tempo all’allestimento del piatto può sembrare una mera questione estetica; si potrebbe pensare che il gusto del cibo non sia influenzato dal modo in cui viene presentato. E invece non è così, poiché “il primo assaggio avviene sempre con gli occhi“.

Da uno studio del Dipartimento di Psicologia della Montclair State University è emerso che presentando il cibo in modo accurato, le persone erano più propense a dare valutazioni positive sul sapore e sulla precisione nella preparazione delle pietanze. È forse per questo motivo che gli chef dedicano molto tempo a studiare il modo migliore per presentare il cibo.

La presentazione è ancor più cruciale quando si parla di fotografare il cibo. Lo spettatore non ha altro che un’immagine per farsi un’idea; l’allestimento è il primo passo per suscitare la convinzione che una pietanza sia veramente saporita e appetitosa come appare in foto.

Ma cosa bisogna sapere sull’impiattamento prima di scattare le foto?

Considerare i principi fondamentali dell’estetica

Se state fotografando un alimento dal carattere più naturale, come un’insalata o una zuppa, potete concedervi un certo disordine. Ciò non implica che il cibo debba essere trascurato nella presentazione, ma potete trarre ispirazione da spettacoli naturali, come un giardino colorato in fiore o una foresta lussureggiante con alberi frondosi. Se, invece, fotografate alimenti con un aspetto meno “naturale”, come frullati arcobaleno o torte galassia, la chiave risiede nell’accuratezza dell’allestimento. Questo tipo di cibo richiede un maggiore equilibrio dei colori e una precisione nelle linee, simile a quanto si farebbe per un dipinto, un disegno o una scultura.

Optare per la base adatta su cui mettere il piatto

Piani di lavoro e tavoli all’aperto possono conferire un aspetto più rustico e sono ideali per presentare piatti informali, come panini e patatine fritte. I tradizionali piatti bianchi esaltano ulteriormente i cibi colorati. Il suggerimento è quello di selezionare stoviglie che si armonizzino con l’estetica del piatto e ne esaltino l’aspetto.

Cominciare dal cuore del piatto

Quando sistemate il cibo nel piatto, iniziate dal centro e assicuratevi di mantenere una disposizione simmetrica procedendo.

Pensare come degli artisti

Gli chef esperti impiegano strumenti come cucchiaini, squeeze bottle, pinzette e persino pennelli per adornare con precisione i piatti, proprio come i pittori con la loro tela. Non esitate a sperimentare con salse e disposizioni armoniche per conferire un tocco artistico al vostro piatto.

Nel fotografare il cibo, una luce di qualità è fondamentale per accentuare le texture e il bilanciamento dei colori. La scelta dell’illuminazione implica anche decidere quali caratteristiche della pietanza si vogliano mettere in risalto. Forse avete l’intenzione di evidenziare la succulenza di una tagliata di manzo appena cucinata? O volete far risaltare la particolare consistenza di un formaggio perfettamente tagliato?

Ecco alcuni aspetti da considerare per ottenere la miglior illuminazione nelle vostre fotografie:

Illuminazione laterale

Rivolgere la luce lateralmente sul cibo è un efficace metodo per accentuare le ombre e i punti di luce che evidenziano le diverse texture di alimenti come il pane, la carne e il formaggio. Questo aspetto è cruciale, specialmente quando si fotografano piatti che combinano diverse consistenze, come sandwich e hamburger.

Preparare il set per fotografare il cibo
Preparare il set per fotografare il cibo | Pixabay @Pekic – Sitiwebok.it

Fare attenzione alle ombre

È positivo evidenziare le trame del cibo, tuttavia, ombre eccessivamente accentuate possono apparire poco gradevoli e poco accattivanti. Se notate che la vostra foto presenta ombre molto marcate, cercate di regolare l’angolazione della luce o della fotocamera per bilanciare le zone più scure e valorizzare al massimo la texture del cibo.

Usare la luce giusta

Evitare ombre troppo accentuate è possibile grazie a una luce più delicata. Se state fotografando con luce naturale, è consigliabile farlo vicino a una finestra durante una giornata nuvolosa. Per le sessioni in studio, è utile utilizzare una superficie riflettente per diffondere la luce, sia essa naturale o artificiale, sul soggetto.

Evitare le luci frontali

L’illuminazione diretta frontale tende a generare riflessi eccessivamente distinti nella foto, compromettendo la creazione del contrasto necessario per evidenziare le texture alimentari. Questa situazione può conferire ai piatti un aspetto poco invitante e saporito.

Lo step successivo è quello di scegliere l’inquadratura giusta. Ecco quali sono le caratteristiche da prendere in considerazione:

Angolazione

Considerate attentamente l’angolazione, focalizzandovi sulla parte del cibo che desiderate mettere in risalto. Ad esempio, fotografando un sandwich, potreste optare per un taglio a metà e catturarlo lateralmente per evidenziare la carne succulenta. Gli scatti laterali, però, non sono adatti a tutte le pietanze. È preferibile fotografare dall’alto senza profondità per alimenti come insalate o salumi su un tagliere, mostrando la complessità della disposizione degli ingredienti. Evitate di fotografare frontalmente o con un’angolazione diretta verso il basso, un errore comune spesso causato dalla presentazione del piatto. Questo tipo di scatto rende le foto poco interessanti, anche se ci sono alcune eccezioni alla regola; in generale, è difficile che questo approccio metta in risalto le migliori texture e linee degli alimenti.

Colore

Valutate l’impatto della combinazione e del contrasto dei colori, verificando se contribuiscono a rendere accattivante l’immagine. Migliorate l’estetica del cibo con decorazioni e interessanti texture, organizzando in modo ordinato elementi dai colori complementari. Assicuratevi che i colori siano ben bilanciati, con una saturazione sufficiente e una predominanza di tonalità calde nell’immagine complessiva. Studi dimostrano che certi colori possono stimolare reazioni sensoriali nel cervello e aumentare l’appetito, con tonalità calde come rosso, arancione e giallo che risultano particolarmente efficaci. Il verde, invece, aggiunge una nota più naturale e organica alle fotografie. Evitate i colori freddi e intensi, come blu e viola. Ciò non significa che mirtilli vivaci o chicchi d’uva ricchi di viola non possano aggiungere colore; tuttavia, evitate l’uso eccessivo di filtri dai toni freddi. Alcuni cibi, come carne e formaggio, sotto una luce blu possono apparire poco invitanti.

Fuoco e campo

La messa a fuoco è un altro elemento cruciale quando si cattura il cibo. Il concetto di “profondità di campo” si riferisce alla nitidezza degli oggetti vicini rispetto a quelli distanti; regola la messa a fuoco per mettere in risalto le parti più vicine del cibo. Come alcuni alimenti beneficiano di certe angolazioni di scatto, esistono anche punti specifici su cui concentrarsi nella messa a fuoco.

Provate a sperimentare con:

  • Gli elementi in primo piano nitidamente messi a fuoco.
  • Gli elementi sullo sfondo sfocati.

Giocare con la profondità di campo nelle foto può amplificare le caratteristiche tattili di cibi ricchi di texture, un effetto particolarmente efficace con piatti a base di pasta.

Impostazioni privacy