Cavi per smartphone USB-C: adesso cambia anche quest’altro aspetto (e in pochi lo sanno)

Non tutti conoscono l’aspetto che cambia e le novità a proposito dei cavi per smartphone USB-C: ecco cosa c’è da sapere

La tecnologia è un modo sempre ricco di novità ed aspetti da conoscere ed approfondire. In particolar modo quando gli elementi nuovi, o che possono esser oggetto di cambiamenti, finiscono per riguardare da vicino i dispositivi utilizzati frequentemente dagli utenti. Un esempio in tal senso, ha a che fare con i cavi per smartphone, e non solo, USB-C, poiché proprio quest’ultimi saranno, nel 2024, protagonisti di alcuni cambiamenti rilevanti, quantomeno in Europa.

Cavi per smartphone USB-C e non solo: occhio ai cambiamenti da conoscere
Non tutti conoscono i cambiamenti che riguarderanno i cavi per smartphone USB-C e non solo – sitiwebok.it

Nel dettaglio, infatti, nel novembre de 2022 l’UE ha avuto modo di occuparsi dell’approvazione della direttiva UE 2022/2380. Quest’ultima prevede dei cambiamenti di una certa rilevanza per quanto concerne la ricarica dei device elettronici. La decorrenza è sin dal 28.12.2024, dunque la fine dell’anno appena iniziato, quantomeno per talune categorie. Tali nuove regole che si legano all’USB-C e non soltanto, vedranno la loro applicazione da fine anno per determinate categorie di prodotto, i termini sono quelli riportati all’interno della direttiva.

Si tratta quindi dei telefoni cellulari portatili, dei tablet, delle cuffie e cuffie microfono. E ancora, delle fotocamere digitali, delle tastiere, mouse, auricolari e sistemi di navigazione portatile. Infine, dei lettori elettronici, degli altoparlanti portatili e delle console portatili per videogiochi. Per quanto riguarda i laptop, questi vi si aggiungeranno alla suddetta lista di categorie sin dal 28.04.2026.

Occhio ai cambiamenti in arrivo per i cavi USB-C: i caricabatterie e gli aspetti da sapere

Novità dunque all’orizzonte per quanto riguarda i cavi USB-C per smartphone e non soltanto, con l’aspetto che si lega al passaggio al connettore di tale tipologia. Questo di certo è stato quello contraddistinto dalla maggior risonanza mediatica. Molti avranno sentito infatti parlare della decisione di Apple, che ha dovuto adottare il connettore USB-C per gli iPhone 15. Ad ogni modo, questa non è la sola novità da sapere.

Tante novità nel 2024 per i cavi smartphone USB-C: gli aspetti da sapere
Novità cavi per smartphone USB-C: cosa cambia nel 2024, i diversi aspetti da approfondire – sitiwebok.it

Un altro aspetto che si lega alla suddetta direttiva, prevede l’adeguamento dei produttori allo standard della tecnologia anche rispetto alla velocità di ricarica. Vi è l’obbligo dell’implementazione dello standard USB Power Delivery. Non mancano aspetti innovativi inerenti i caricabatterie poi. La direttiva prevede che vengano venduti separatamente rispetto ai prodotti elettronici, così da evitare che vengano accumulati e che quindi siano in futuro, poi, rifiuti da smaltire.

Proseguendo, dai produttori dovranno esser fornite le info pertinenti a proposito della prestazioni di ricarica dei device. Particolarmente, dovrà esser indicata la potenza necessaria e l’eventuale supporto della ricarica rapida. Un aspetto che darà modo, agli utenti, di controllare se i caricabatterie di cui dispongono rispondono ai requisiti, così come consentirà la scelta del caricabatterie maggiormente adatto. Occorre, in conclusione, sottolineare che ad ora la direttiva UE si lega all’USB-C, ma l’Unione Europea potrà fare delle valutazioni in futuro anche rispetto ad altre tecnologie di ricarica disponibili.

Impostazioni privacy