vetrina negozio

Il web spiegato ai non addetti ai lavori

[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

Oramai, chiunque abbia un’attività ha capito che il sito web può essere un nuovo modo di vendere i propri prodotti e servizi. Le statistiche ci dicono però che oltre l’80% dei siti web sono un fallimento o non portano i risultati sperati.

Una buona parte di chi ci contatta, infatti, si è già fatta realizzare il sito web in passato da qualche web agency, ma visto l’insuccesso, si rivolge a noi per rifarlo o per cercare di correggere la rotta. A chi si trova in questa situazione per analizzare il problema facciamo alcune domande volte a capire quali sono le motivazioni alla base dell’insuccesso.

Ciò che abbiamo capito è che molte persone si approcciano al web senza conoscerne i meccanismi e le “regole” e quindi commissionano siti web che, per come sono pensati, non porteranno mai i risultati sperati. L’errore più grande è demandare alla web agency la realizzazione del sito senza aver chiaro quali sono gli obiettivi da raggiungere e quali tattiche e strategie ha senso utilizzare nel caso specifico.

Molti imprenditori infatti valutano la competenza della web agency di turno con parametri completamente inutili come ad esempio l’estetica dei siti web che realizza o in base ai clienti importanti con cui lavora.

Per spiegare il web agli imprenditori non addetti ai lavori abbiamo trovato la seguente analogia con il mondo reale che fa subito capire se un’idea è buona o meno sul web. L’analogia è quella che c’è tra un negozio fisico e un sito web.


 

Tutti sanno che per un negozio un elemento fondamentale di successo è la posizione. La differenza tra un negozio o un’attività posizionata nella via sbagliata o nel posto giusto può essere la differenza tra il successo e il fallimento. Un bar che si trova su una via trafficata con un bel parcheggio e un’insegna ben visibile avrà più possibilità di successo rispetto ad un bar di paese nascosto in una viuzza interna.

Ciò che nel mondo reale è una via o una strada, nel mondo del web è la pagina dei risultati di ricerca di Google.

A parità di estetica, prezzi e condizioni un sito internet che esce nei risultati di ricerca di Google in prima pagina avrà molte più possibilità rispetto a un sito che si trova in seconda o peggio in terza pagina.

Le persone quando fanno una ricerca in Google solitamente aprono i primi 10 siti internet proposti dal motore di ricerca, ma difficilmente si mettono a scorrere le pagine oltre la seconda. Quindi più un sito è in alto nei risultati e più possibilità ha, esattamente come un negozio con un bel parcheggio posizionato su una via ben trafficata.

Nel mondo reale il traffico è stabilito dal numero di macchine o di pedoni che passano davanti al negozio sulla via in cui è posizionato. Nel web il traffico è dato dal numero di persone che cercano la parola chiave per cui il sito web viene posizionato.

Ciò vuol dire che è inutile avere un sito web che esce in prima pagina per una parola chiave che nessuno ricerca, sarebbe come avere un negozio con un ampio parcheggio su una via dove non passa anima viva.

Ad esempio per un sito web di un elettricista sarebbe inutile uscire in prima pagina su Google quando qualcuno cerca “sostituzione presa” perché porterebbe poco traffico (meno di 2 ricerche/mese). Meglio sarebbe uscire con una ricerca del tipo “elettricista” (18’100 ricerche/mese) o elettricista seguito dal luogo di pertinenza es. elettricista brescia.

Continuando l’analogia possiamo dire che ciò che nel mondo reale è rappresentato dalla vetrina del negozio, online è reso dallo snippet che esce nei risultati di ricerca. Lo snippet è quel trafiletto che Google mostra per ogni risultato ed è composto dal titolo della pagina, da una breve descrizione e da altri elementi opzionali come ad esempio le stelline.

Lo snippet è un forte elemento di richiamo così come lo è la vetrina del negozio. Se sono su una via e vedo a colpo d’occhio l’insegna vistosa di un negozio di abbigliamento, anche se più distante rispetto a quello di un concorrente, sarò attirato a raggiungerlo ed entrare. Ancora meglio se dalla vetrina già si vedono i prezzi esposti, magari di una tipologia di giacca che sto cercando.

La stessa cosa funziona nel web. Se nei risultati di Google il terzo o quarto risultato ha 5 stelline, o ha un titolo e una descrizione che colpisce la mia attenzione perché promette di rispondere all’esigenza che ho sottointeso con la mia ricerca, sarò portato a visitarlo anche se non è il primo in elenco.

Una web agency che riesce a realizzare un sito che si posiziona in prima pagina su Google e riesce con lo snippet a centrare le richieste degli utenti e quindi a farli entrare nel sito web ha già fatto il 60% del lavoro.

Come direbbero i matematici essere in prima pagina è condizione necessaria, ma non sufficiente per il successo del progetto web. E’ necessario perché un sito introvabile, come un negozio, può essere il più bello del mondo ma se nessuno lo visita non venderà mai nulla.

Non è purtroppo condizione sufficiente perché una volta che l’utente ha aperto la pagina web, rimane ancora lo scoglio di convincerlo a passare da semplice visitatore ad acquirente. Oltre al nostro sito web infatti l’utente avrà aperto anche altri 4 o 5 siti e tra questi deve decidere a chi dare i propri soldi.

La prima cosa da fare è confermare le aspettative del potenziale cliente. Cosa succede se l’insegna di un negozio fa pensare ad un’auto officina di riparazione auto e quando si entra si scopre di essere da un gommista?

La stessa cosa vale per il sito web. Deve esserci continuità tra la ricerca dell’utente e ciò che il sito propone. Entro 5 secondi da quando si visita il sito deve essere subito chiaro se la pagina fa al caso nostro o meno. Se l’utente non capisce abbandonerà la pagina entro 5 secondi.

Per questo motivo siti che si caricano lentamente, caroselli di immagini, frasi ambigue, design artistici, testi piccoli e poco contrastati, siti scuri ecc. sono tutti elementi di ostacolo alla conversione.

Ada Comoretto, classe 1927, proprietaria di un negozio di Tecnoelettrica, dovrebbero chiamarla alla Bocconi, per una lezione su come resistere alla crisi e innovare in un settore condannato dagli ipermercati, dall’e-commerce e dalle tasse. Saprebbe spiegare come fa a stare in piedi a Milano, nell’isola modaiola di corso Como, tra l’Hollywood, i grattacieli e la galleria Sozzani, un negozio d’altri tempi che vende spinotti, prese e cavi elettrici.

La qualità e la competenza possono diventare imbattibili se si abbinano al rapporto umano, alla cortesia.
Con il cliente si deve parlare, bisogna conquistarlo, senza distinzioni di trattamento.

Il sito internet deve fare la stessa cosa. Deve trasmettere empatia, deve rispondere alle domande dei clienti che lo visitano. Deve essere subito chiaro a cosa servono i servizi e i prodotti, a chi sono rivolti, in cosa l’offerta si distingue da quella dei concorrenti.

La struttura del sito, la navigazione, i menù devono essere chiari e facili da utilizzare anche per chi non è del settore. Non vanno utilizzate sigle senza spiegazione.

Bisogna fare un grande sforzo di immedesimazione nel cliente per capire quali domande può farsi, cosa cerca e come rispondere con il sito web.

L’obiettivo del sito è dare tutte le informazioni che il cliente potrebbe volere, organizzandole in modo sintetico e schematico. Ogni volta che il cliente non trova un’informazione e ci contatta direttamente, bisognerebbe tramutare questa richiesta in una nuova pagina del sito o in un’aggiunta ai contenuti già presenti o alla loro organizzazione.

Le statistiche ci dicono che per un cliente di un albergo che fa notare una mancanza o pone una domanda, ce ne sono altri 9 che avevano la stessa esigenza e non hanno detto nulla. Se rispondi al telefono ad una domanda di un potenziale cliente, ci sono buone probabilità che scrivendo la risposta sul tuo sito web incontrerai l’interesse di altri nove visitatori che non ti avevano contattato perché non l’avevano trovata.

Per concludere, ci sono tanti altri esempi e paralleli che si potrebbero fare, ma una menzione speciale spetta sicuramente all’esposizione dei prezzi.

Ancora molti imprenditori sono gelosi dei propri listini ed evitano di riportare sul sito web i prezzi. E’ un errore e te lo spiego con un esempio. Dopo aver guardato una vetrina, in quanti casi sei entrato in uno di quei negozi che nascondono il prezzo o lo tolgono per “allestimento in corso”?

La stessa cosa funziona sul web. Le persone vogliono già avere un’idea del costo di prodotti e servizi ancor prima di contattarti. Serve sia a loro sia a te per evitare di perdere tempo a redigere preventivi quando il budget del cliente è un decimo del tuo prezzo.

Non importa se i tuoi prezzi sono alti o bassi. Anzi, un prezzo alto, se giustificato può essere un’ottima strategia di vendita. Se i tuoi prezzi sono alti, prevedi delle pagine in cui spiegherai come mai i tuoi concorrenti hanno prezzi inferiori e a cosa va in contro un cliente che dovesse optare per una soluzione a basso costo.

Già sento l’obiezione: “ma io non vendo prodotti e per me il prezzo di un servizio dipende da molti parametri che vanno stimati di volta in volta”. Non importa, non serve indicare il prezzo nel dettaglio o tutti i parametri che lo determinano. Basta fare degli esempi concreti di realizzazioni o di servizi che hai erogato con il prezzo di quel particolare lavoro. Oltre a fungere da portfolio lavori, permetteranno anche al tuo potenziale cliente di farsi un’idea del costo dei tuoi servizi e delle tue opere.

Cerchi una web agency che sappia ascoltare le tue esigenze e ti possa seguire nella realizzazione del tuo sito web e nell’implementazione della strategia più indicata per la tua presenza online? Contattaci, siamo una web agency specializzata nella realizzazione di siti web che creano reddito.

Siti Web Ok

Siti Web Ok

Siti Web Ok è un'agenzia specializzata nella realizzazione di siti web e nello sviluppo di e-commerce che creano reddito. Prima di tutto attenzione alla SEO e al posizionamento, ma senza dimenticare l'estetica del sito web!
Siti Web Ok

Pubblicato da

Siti Web Ok

Siti Web Ok è un'agenzia specializzata nella realizzazione di siti web e nello sviluppo di e-commerce che creano reddito. Prima di tutto attenzione alla SEO e al posizionamento, ma senza dimenticare l'estetica del sito web!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inviando i dati del form accetti le condizioni sulla privacy